Frutto del lavoro del gruppo di ricerca Indire sulle architetture scolastiche, il volume “Fare didattica in spazi flessibili. Progettare, organizzare e utilizzare gli ambienti di apprendimento a scuola” (Giunti, 2018) fornisce interessanti spunti di riflessione sul rapporto fra pedagogia e architettura e propone nel contempo soluzioni ed esempi concreti per riorganizzare gli ambienti scolastici senza interventi strutturali e contando sulle risorse disponibili. L’intento è quello di supportare processi di riorganizzazione degli ambienti di apprendimento e sostenere un’idea di benessere scolastico che richiama i moderni standard di comfort e abitabilità. La possibilità di sviluppare una didattica di tipo innovativo è legata a doppio filo alla definizione di nuovi ambienti maggiormente centrati sullo studente. Sono ormai molti, infatti, i documenti che sottolineano come l’ambiente interagisca sulla qualità dei processi di apprendimento, dalle linee guida per l’edilizia scolastica alle indicazioni per il curricolo, fino ai documenti di orientamento culturale emanati da organismi a livello nazionale e internazionale.

Tuttavia, non si esplicita mai in che modo lo spazio fisico possa concretamente contribuire alla qualità della vita scolastica e degli apprendimenti, quali debbano essere i margini di intervento, quali gli strumenti che possono aiutare a realizzare un luogo efficace per docenti e studenti.
Per rispondere all’esigenza, sempre più sentita da parte degli studenti, delle famiglie e degli insegnanti, di poter contare su uno spazio che accompagni e rafforzi l’azione educativa, il volume offre un utile set di strumenti per trasformare l’aula in un ambiente di apprendimento allargato e flessibile. Un ambiente accogliente nel quale divenga possibile progettare percorsi didattici che “escono fuori” dall’aula e che sfruttano le potenzialità offerte da tutti gli altri luoghi della scuola, compresi gli spazi inutilizzati e quelli solo apparentemente “inutili”.
Ma la prospettiva di studio proposta dal volume è anche un’altra, quella che parte direttamente dalla scuola, attraverso dieci Learning Stories raccontate da altrettanti insegnanti che hanno voluto considerare l’ambiente fisico come un elemento strategico per la qualità della vita scolastica e degli apprendimenti. Si tratta di esempi che hanno la funzione sia di far toccare con mano l’esperienza di chi ha già iniziato a trasformare i propri spazi scolastici sia di innescare una riflessione su possibili percorsi di riorganizzazione e adattamento degli spazi esistenti.
Il volume è stato presentato durante “Fiera Didacta Italia”, svoltosi a Firenze il 9-10-11 ottobre 2019. Partendo dalla narrazione delle loro esperienze nella direzione di una nuova concezione degli spazi nella scuola, i docenti coautori del testo hanno illustrato alcuni dei contenuti del libro insieme ai ricercatori Indire.

Booktrailer

  • Learning Story. Esploratori di Luce – Valentina Luchetti, docente presso il Primo Circolo Didattico “San Filippo” Città di Castello (PG)
  • Learning Story. Geografia e storia in spazi flessibili disciplinari – Elena Marcato, docente presso l’IC n.9 di Bologna
  • Learning Story. Il viaggio di Teddy – Ambra Coccia, docente presso l’ISC “Solari” di Loreto (AN)
  • Learning Story. Esperimenti “fuori classe” – Rodolfo Galati, docente di scuola primaria e autore di numerosi libri sulla didattica
  • Learning Story. Un anno in un giorno – Matteo Bianchini, docente di scuola primaria presso Scuola-Città “Pestalozzi” di Firenze
  • Learning Story. Misurare il mondo a scuola – Silvia Scandura, docente presso l’IC “Falcone” di Copertino (LE)
  • Learning Story. L’officina della curiosità – Margherita Leotta, docente presso l’IC “Giovanni XIII” di Acireale (CT)
  • In viaggio con eTwinning – Francesca Panzica, docente di scuola primaria
  • Learning Story: Dibattendo… S’impara – Giulia Monaldi, docente presso l’IC “Solari” di Loreto (AN)
  • Learning Story. Scienziati itineranti – Silvia Coppedè, docente presso l’IC “Mariti” di Fauglia (LI)
  • L’intervista di RaiScuola a Leonardo Tosi, ricercatore Indire e uno dei curatori del libro
Leonardo Tosi

A cura della redazione

Una serie di video-testimonianze dei protagonisti delle proposte di trasformazione degli spazi scolastici presentate nel libro “Fare didattica in spazi flessibili. Progettare, organizzare e utilizzare gli ambienti di apprendimento a scuola (Giunti, 2018)

Tipologia: Presentazione libro

Agorà
Cluster
Didattica
Esplorazione
Fablab
Gruppo
Individuale
Informale
Innovazione
Makerspace
Outdoor
Paesaggio didattico
Pedagogia
Plus
Tecnologie
Questo contributo fa parte del percorso tematico
Fare didattica in spazi flessibili